A parole nostre

0
0
0
s2smodern

La Casa Editrice Else realizza albi illustrati per ragazzi e adulti stampati in serigrafia e rilegati a mano, su tematiche culturali e politiche.

 

 

La Casa Editrice Else, un’impresa artigiana che realizza i propri libri attraverso la stampa serigrafica è l’acronimo di Edizioni Libri Serigrafici E altro. Si tratta di albi illustrati per ragazzi e adulti stampati in serigrafia e rilegati a mano in cui sono presenti contenuti culturali e politici. Attraverso l’Associazione Else, vogliamo consolidare e dare maggior spazio, oltre che all’esperienza editoriale, anche a quella educativa e di intervento sociale in cui per molti anni sono stati impegnati i fondatori di Else, i quali, proprio a partire da una scuola di italiano con giovani di seconda generazione, richiedenti asilo, rifugiati e migranti, hanno dato vita alla casa editrice dopo un percorso di formazione professionale finanziato dal Fondo Sociale Europeo.

A partire dal 2010 Else ha realizzato con diversi gruppi di giovani di seconda generazione, rifugiati e richiedenti asilo libri illustrati, scritti, stampati e rilegati dai partecipanti, quali: “Radici” (2010), “Erano come due notti” (2011), “Animali” (2012) e “Famiglie” (2015) che sono diventati nel tempo, a livello nazionale e internazionale, generatori di attività legate ai temi dell’accoglienza e della convivenza. Siamo convinti che l’incontro con l’Altro sia sempre un portare alla luce il groviglio di somiglianze e differenze, il principale obiettivo educativo e politico che Else vuole sviluppare, soprattutto con le nuove generazioni, è proprio quello di tracciare una strada esperienziale per il riconoscimento pieno dell’Altro prima di tutto come persona.

else edizioni famiglie migrantielse edizioni le memorie della menta piperita bambini

Il fine ultimo di ciascun percorso formativo per la realizzazione di libri, stampe e oggetti artigianali è infatti la crescita della persona: quanto ha potuto esprimere se stessa attraverso l’oggetto realizzato e condividere con gli altri i propri sentimenti; quanto ha conquistato in consapevolezza; quanto ha potuto inventare e quindi capire, leggere e tradurre la realtà, attivarsi per il cambiamento e confrontarsi con gli altri. È infatti nel dialogo costante tra immagine e parola che si possono rintracciare significative tracce dell’espressione del sé dentro un lavoro cooperativo, manuale e intellettuale allo stesso tempo.

L’attività di stampa per la realizzazione di un libro mette in campo le linee dominanti che dovrebbero essere di ogni percorso di accoglienza ed educazione quali: espressione e creazione, comunicazione, organizzazione cooperativa del gruppo, ricerca d’ambiente.

“Fare un libro” è un modo di “fare arte”, ovvero la ricerca di quella condizione espressiva in cui l’uomo si ritrova ogni volta che vuole condividere con altri i propri sentimenti. È questo sentirsi uniti che crea in piccolo una comunità di fatto e che apre a nuovi possibili scenari di presenza e cittadinanza. Si è infatti convinti che al di là delle tecniche utilizzate sia di vitale importanza nei percorsi di integrazione e accoglienza con persone di origine straniera, a partire dai propri contesti di appartenenza, operare per la trasformazione di un luogo in ambiente affettivamente significativo, funzionale alla costruzione di una lingua e un immaginario condiviso e all’acquisizione di una nuova identità di residenza. I laboratori utilizzano una metodologia in cui si lavora, individualmente e collettivamente, sulla narrazione a partire da sé ma anche a partire da grandi temi letterari, ci si confronta con diversi linguaggi: dalla scrittura al disegno alla grafica e si fa esperienza del libro come oggetto da realizzare attraverso un fare manuale. È in questa ultima fase che entra in gioco l’artigianalità del lavoro: dalla stampa serigrafica alla rilegatura.

Else ha costruito la propria esperienza nel tempo prima di tutto a partire dalla propria attività editoriale e poi direttamente sul campo progettando numerosi laboratori e attività in diversi contesti italiani e europei rivolti soprattutto a giovani di seconda generazione, rifugiati e richiedenti asilo.

 

Sei un professionista o lavori in una struttura che può essere interessata a fare parte del nostro network?

Contattarci è semplice, puoi mandarci una e-mail o chiamarci direttamente a questi recapiti.

Riceviamo telefonate dal
Lunedì al Venerdì
dalle 9.00 alle 13.00
e dalle 15.00 alle 17.30